Dott. Ciro Trotta Consulenza di Direzione Aziendale
Dott. Ciro Trotta    Consulenza di Direzione Aziendale

Project Management

I periodi di crisi sono caratterizzati da processi di profondo cambiamento gestiti nella maggior parte dei casi mediante la realizzazione di specifici progetti. 

Il successo di un progetto è strettamente legato ad un approccio strutturato ed alla competenza in materia delle risorse cui viene affidata la responsabilità della gestione dello stesso.

 

Il Project Manager non è il "notaio" che compila e archivia gli Stati di Avanzamento Lavori o sa predisporre egregiamente un Diagramma di GANTT, ma è un professionista qualificato che sulla base delle indicazioni dello sponsor del progetto, ne definisce ambito, finalità e obiettivi; ricerca l'opportuno committment, identifica e gestisce tutti i rischi, monitora l'andamento del progetto e gestisce tutte le conflittualità, comunica in maniera tempestiva, efficace e segmentata in base ai differenti interlocutori.

 

Lo studio si avvale di professionisti qualificati e con consolidate esperienze, in possesso della certificazione PMP rilasciata dal Project Management Institute, in grado sia di assumere in prima persona il ruolo di Project manager, sia di fornire supporto qualificato alla struttura di project management del Cliente.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Studio Consulenza Ciro Trotta, Via Assisi 93/a, 00181 Roma Partita IVA: 11980721002.

Il sito utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato.

Notizie recenti

12 Dicembre

 

Con l'approvazione della L. 167/2017, viene inserito nel "catalogo" dei reati, una nuova fattispecie,  mediante l'introduzione dell'art. 25-terdecies (Razzismo e xenofobia), che si applica alla commissione dei reati di cui all'art 3 e 3-bis della L. 654/1975.

In sintesi sono sanzionati sia" l'incitamento alla discriminazione  o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi", sia i comportamenti resi alla "negazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l'umanità e dei crimini di guerra" così come definiti dalle leggi internazionali.

 

 

Visualizza il testo della L. 167/2017

 

Visualizza il testo della L. 654/1975 (aggiornata nel 2016)