Dott. Ciro Trotta Consulenza di Direzione Aziendale
Dott. Ciro Trotta   Consulenza di Direzione Aziendale                             

I principi del nostro lavoro

Ciro Trotta è un Consulente di Direzione con un’esperienza pluriventennale di supporto ai vertici aziendali nella soluzione di problemi strategici, gestionali ed organizzativi. 

 

Nel corso degli anni Ciro Trotta ha ottenuto  diverse certificazioni professionali (PMP, CIA, CCSA, CRMA) attestanti il possesso di tutti i requisiti professionali e di competenze necessari a svolgere l'attività di consulente di Direzione Aziendale.

 

Relazioni pluriennali e di fiducia con i propri clienti sono alla base di un metodo di lavoro pragmatico, volto a raggiungere l'obiettivo prefissato.

 

Lo Studio di Consulenza Ciro Trotta si occupa di fornire servizi in ambito consulenza imprenditoriale con particolare focus su problematiche Amministrativo-gestionali, Pianificazione aziendale, Risk Management e Regulatory Compliance. 

 

Offriamo servizi professionali qualificati, a piccole e medie imprese, gruppi societari e professionisti dei più diversi settori.



 

 

Per saperne di più sui nostri servizi e i nostri campi di competenza, consultate il nostro sito web.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Studio Consulenza Ciro Trotta, Via Carlo Arturo Jemolo 188/c, 00156 Roma; Partita IVA: 11980721002.

Il sito utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato. Per ulteriori informazioni consulta la Pagina Privacy

Notizie recenti

 

23 gennaio 2020

 

Disponibile  la sentenza della Cassazione n. 1420 del 2020  con la quale si conferma la separazione tra punibilità penale personale e responsabilità amministrativa dell'ente ex D.Lgs. 231/01.

In particolare si afferma il principio che anche nel caso di assoluzione dell'imputato per "tenuità del fatto" ex art. 131.bis c.p. permane la responsabilità amministrativa a carico dell'Ente

Tra le motivazioni prevalgono la mancata previsione del principio della "tenuità del fatto" tra le cause di esclusione esplicitamente previste dal D.lgs. 231/0 e la considerazione che la giurisprudenza ha consolidato il principio di netta separazione della responsabilità dell'ente rispetto a quella penale della persona fisica che ponga in essere il reato-presupposto.